I tre dosha in ognuno di noi

 Curato da


Ayurveda e composizione dell'universo

L'universo che conosciamo è composto dai cinque elementi: lo spazio eterico del cosmo e dei buchi neri, il vento cosmico con la sua aria, il calore del fuoco del Sole, la vastità delle acque di tutti i mari e gli oceani, la materia solida come la terra, le rocce, gli alberi e le montagne.

Macrocosmo e microcosmo

Gli stessi elementi dell'universo (macrocosmo) costituiscono la forma fisica dell'uomo (microcosmo):

  • Etere – negli spazi intercellulari, nelle cavità di viscere e ossa.
  • Aria – nell'apparato respiratorio e nelle viscere intestinali.
  • Fuoco – è il calore del corpo, il fuoco metabolico che tutto brucia.
  • Acqua – rappresenta la parte liquida che scorre e la componente fluida che lubrifica il nostro corpo.
  • Terra – è l'elemento che dà forma a ossa, muscoli, grasso e organi solidi.

Nel cosmo e sulla Terra i cinque elementi agiscono in base alle leggi cosmiche universali.

I 5 elementi e i Dosha

Nell'uomo, caratterizzato dalla coscienza, i cinque elementi si organizzano in modo particolare: si combinano tra loro per dare vita ed esprimere delle forze nuove, dotate d'intelligenza e chiamate dosha.

  • Etere + Aria = Intelligenza chiamata VATA Dosha
  • Fuoco = Intelligenza chiamata PITTA Dosha
  • Acqua + Terra = Intelligenza chiamata KAPHA Dosha

Vata, Pitta e Kapha sono forze intelligenti perché non solo occupano parti materiali del corpo, ma ognuna ne regola specifiche funzioni e tutte insieme ne determinano lo stato di salute o di malattia.

Le caratteristiche dei Dosha

Nel linguaggio comune si dice "quella persona è piuttosto eterea" oppure "è molto focosa" oppure "è assai terrena" o ancora "è tutta per aria". Queste immagini inquadrano il concetto di costituzione ayurvedica. Tutti noi siamo composti dai cinque elementi, ma ognuno con quantità e proporzioni uniche e irripetibili. Esistono persone con prevalenza di elementi etere e aria, di costituzione VATA; altre con un forte fuoco, di costituzione PITTA; altre infine con molta acqua e terra, di costituzione KAPHA.

Fattori determinanti della costituzione ayurvedica di nascita

Ogni persona nasce con una costituzione ayurvedica personale, che caratterizza la forma e l'aspetto del suo corpo, l'insieme degli atteggiamenti, le attitudini psico-emotive, determina le tendenze e la predisposizione a certe malattie. Questa costituzione di nascita si chiama prakruti ed è determinata dai seguenti fattori:

  • Qualità fisica dello spermatozoo e dell'ovocita al momento del concepimento.
  • Condizioni dell'utero materno nel quale il feto si sviluppa e cresce.
  • Stato di salute e stile di vita della madre durante la gravidanza.
  • Eventi o fattori di disturbo durante la gravidanza.
  • Periodo dell'anno e ambiente climatico di concepimento e gravidanza.

La costituzione originaria comporta una naturale predominanza di uno o due Dosha. E' la modalità specifica con cui prendiamo forma in questa esistenza. Va mantenuta il più possibile in equilibrio, non dovrebbe alterarsi durante tutto l'arco della vita, è come il nome e cognome di nascita, non si può cambiare.

Come riconoscere la costituzione di nascita?

La costituzione ayurvedica di un individuo si valuta in base al suo aspetto, alla struttura fisica, alle caratteristiche fisiologiche e psicologiche, alle tendenze del suo comportamento. La costituzione è già definita al momento della nascita, e si costruisce a partire dal momento del concepimento, per tutto il periodo della gestazione.

E' molto difficile che una persona nasca con i tre Dosha nelle stesse proporzioni, che significherebbe un perfetto stato di armonia. Inoltre i Dosha possono essere modificati nell'arco della vita da: ambiente, cibo, acqua, stile di vita, cambiamenti stagionali, ore del giorno, eccessiva o mancata soddisfazione di istanze o desideri fisici.


photo social google plusSegui i consigli gratuiti e dialoga con Simona Vignali!