La lettura del polso in Ayurveda

 Curato da


La lettura del polso in Ayurveda

Nella medicina ayurvedica, la lettura del polso è la tecnica per verificare il benessere e lo stato dei Dosha Vata, Pitta, Kapha. In Ayurveda la lettura del polso è una scienza chiamata Nadi Pariksha.

Lettura del polso: verifica dello stato di salute

Nella medicina ayurvedica, la lettura del polso è la tecnica per verificare il benessere e lo stato dei Dosha Vata, Pitta, Kapha. In Ayurveda la lettura del polso è una scienza chiamata Nadi Pariksha.

ayurveda lettura del polsoMedicina ayurvedica: trattati sulla lettura del polso

Vi sono due testi fondamentali che trattano della lettura del polso in maniera esclusiva. Si tratta di Nadi Vijnaam, un trattato che risale al VII secolo a.C. e di Nadi Prakasham, scritto più recentemente da Shankar Shen tra il 1800 e il 1900.

Entrambi descrivono la modalità di percezione dello stato dei dosha, dei sotto-dosha e dei dhatu in base a qualità, pulsazione, velocità, profondità, temperatura, frequenza e forza del battito.

Come si pratica la lettura del polso?

L'analisi del polso è un'arte molto sottile che richiede anni di studio e di pratica, permette di risalire all'esatta costituzione di nascita e individuare con precisione gli squilibri insorti nel tempo.

Momento ideale

Il polso va percepito quando la persona è calma e rilassata. Dalle 06 alle 10 del mattino è l'ora ottimale per percepire la costituzione di base. La persona deve essere a riposo, avere liberato vescica e intestino, essere a digiuno. Dalle 10 alle 12 si può percepire lo stato di squilibrio, alterazione o accumulo dei dosha. Dopo le 12 il polso tende ad essere più "caldo", e verso sera tende ad essere più veloce. 

Non è consigliato prendere il polso subito dopo pasto, in caso di febbre, dopo essere stati a lungo al sole, dopo un bagno o doccia calda, dopo bagno turco o sauna, dopo un rapporto sessuale, dopo un massaggio.

Posizione

Il medico ayurvedico ascolta il polso posizionandosi al lato del paziente, dalla parte del pollice, senza incrociare la sua mano sul polso della persona. Nell'uomo ascolta il polso destro e nella donna ascolta il polso sinistro.

Percezione

Il medico appoggia l'indice tra le due pieghe del polso, sul lato radiale sotto la radice del pollice; appoggia il medio appena sotto l'indice e l'anulare sotto il medio dalla parte ulnare, verso il gomito. 

Effettua una leggera pressione sull'arteria con il polpastrello di ogni dito e avverte il Dosha più forte nell'organismo. Ogni Dosha presenta un battito polso del diverso:

  • Dosha Vata: si percepisce il battito prima di tutto sotto il dito indice
  • Dosha Pitta: si percepisce il battito sotto il dito medio
  • Dosha Kapha: si percepisce il battito sotto il dito anulare

Se vengono sentiti due o addirittura tre battiti contemporaneamente, significa che sono alterati i dosha corrispondenti.

ayurveda lettura del polso vata pitta kaphaCaratteristiche del polso dei tre Dosha

  • Dosha Vata - è il polso più difficile da percepire perché è piuttosto debole. Quando Vata è prevalente, per costituzione di nascita o aggravamento successivo, il polso ha le qualità del serpente, cioè veloce, sottile, strisciante, irregolare.
  • Dosha Pitta – trasmette la sensazione della rana: salta, è regolare e consistente.
  • Dosha Kapha – a volte la pelle molto spessa impedisce di percepire bene questo polso, che presenta le caratteristiche del cigno: è lento, fluido, costante, soffice e freddo.

Velocità del battito nei tre Dosha

  • Dosha Vata: è il polso più veloce, da 80 a 100 pulsazioni
  • Dosha Pitta: oscilla tra le 70 e le 80 pulsazioni
  • Dosha Kapha: è il più lento, da 60 a 70 pulsazioni

Profondità della lettura del polso

La percezione del polso può essere effettuata a due livelli: con una pressione superficiale o profonda. Ascoltando entrambi i polsi in questo modo, si può addirittura percepire lo stato di dodici diversi organi.

Ciò è possibile perché, secondo l'Ayurveda, ogni organo è attraversato da linee energetiche che lo collegano a punti riflessi sul polso. In generale, gli organi cavi si proiettano nello strato più superficiale, gli organi solidi nello strato più profondo.

Punti riflessi auyrvedici del polso

Polso sinistro

Indice

  • Superficiale – intestino tenue
  • Profondo - cuore

Medio

  • Superficiale – stomaco
  • Profondo - milza

Anulare

  • Sperficiale – vescica urinaria
  • Profondo – reni

Polso destro

Indice

  • Superficiale – colon
  • Profondo - polmoni

Medio

  • Superficiale – cistifellea
  • Profondo - fegato

Anulare

  • Superficiale – pericardio
  • Profondo – cervello

L'ascolto del polso è il momento più cruciale e delicato dell'ascolto diretto del paziente; viene eseguito nella terza e ultima fase diagnostica di una visita ayurvedica.


photo social google plusSegui i consigli gratuiti e dialoga con Simona Vignali!