OTITE BAMBINO: Cosa fare se un bambino ha otiti ricorrenti

 Curato da


Otite ricorrente può significare che il bambino ha scarse difese immunitarie generali o che la zona dell'orecchio ha minor resistenza: in tal caso una buona cura preventiva può consistere nella vaccinazione specifica. In merito devono decidere il pediatra in collaborazione con l'otorinolaringoiatra. La recidiva di questo disturbo può significare anche che vi sono depositi catarrali difficili da smaltire. In tal caso può trattarsi di una otite media cronica catarrale, di cui soffrono molti bambini fino ai sei-sette anni. Questa otite non va trascurata.


photo social google plusSegui i consigli gratuiti e dialoga con Simona Vignali!